WELFARE STUDI PROFESSIONALI NEWS

Piano Sanitario: le modalità di richiesta delle prestazioni

Una guida rapida al Piano Sanitario

Molto spesso gli assistiti hanno difficoltà a comprendere le modalità di utilizzo del Piano Sanitario Cadiprof. Questa vuole essere una breve guida per usufruire al meglio delle prestazioni della Cassa.

In generale, le prestazioni previste dal Piano Sanitario Cadiprof/UniSalute possono essere usufruite in tre diverse modalità: in strutture private della rete convenzionata (network UniSalute), in strutture private non convenzionate, nel Servizio Sanitario Nazionale SSN.

Nel caso delle strutture private convenzionate, per qualsiasi prestazione è sempre necessario ottenere una autorizzazione preventiva dalla Centrale Operativa UniSalute (COU), pena il mancato riconoscimento della prestazione stessa. L’autorizzazione, che viene inviata dalla COU direttamente alla struttura, può essere richiesta o tramite numero verde oppure tramite modalità on line (sito web e/o app UniSalute). Salvo i casi in cui si voglia ricevere un consiglio su quale struttura utilizzare, si consiglia sempre di contattare prima la struttura privata convenzionata scelta e con questa fissare data e orario dell’appuntamento. Basterà quindi richiedere la conferma dell’appuntamento alla COU online (accedendo all’area riservata su www.unisalute.it o tramite app) o telefonicamente al numero verde 800 016635.

Per alcune prestazioni in rete convenzionata, viene chiesto all’iscritto un pagamento integrativo (es. euro 25 per ciascuna visita specialistica), per altre l’iscritto non deve pagare niente (es. checkup cardiovascolari e oncologici).

Nel caso di strutture private non convenzionate, si consiglia sempre di verificare prima se il tipo di prestazione può essere eseguita fuori rete convenzionata. Per alcune prestazioni, infatti, tale modalità non è prevista (es. grande intervento chirurgico – se non in alcuni casi specifici – e intervento ambulatoriale).

Le prestazioni “fuori rete“ sono sempre di natura rimborsuale (sia private che SSN): ciò significa che l’assistito Cadiprof deve pagare la prestazione autonomamente e successivamente chiedere il rimborso di quanto previsto, utilizzando il modulo di rimborso PS presente nella home page del sito www.cadiprof.it.

I ticket SSN vengono rimborsati in misura dell’80% del costo sostenuto, per le prestazioni private non convenzionate invece operano i limiti di rimborso previsti da ciascuna garanzia (es. una visita specialistica privata fuori rete viene rimborsata al 50% con un minimo non rimborsabile di euro 60).

Per qualsiasi approfondimento, clicca qui

TAGS > ,