IL CONTRATTO SU MISURA
PER GLI STUDI PROFESSIONALI

 

Sei un titolare, un socio, un associato, un collaboratore o un dipendente di uno studio professionale? Il nuovo CCNL per gli studi professionali è pensato per tutelarti e per disciplinare al meglio il tuo ruolo all’interno dello Studio.

Il CCNL degli studi professionali – stipulato da Confprofessioni con le Organizzazioni Sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs – rappresenta infatti un innovativo standard di tutela per tutti i soggetti impiegati nel settore e realizza una disciplina dei rapporti di lavoro che contempera in maniera adeguata le esigenze di flessibilità ed economiche del datore di lavoro con quelle di conciliazione dei tempi di vita e lavoro, di tutela della salute e dell’integrità psico-fisica del lavoratore.

Il Contratto Collettivo di Lavoro degli Studi professionali è il contratto di riferimento e si applica a tutte le strutture professionali, anche a quelle che esercitano la propria attività in forma di studio associato e/o nelle forme societarie consentite dalla legge, nonché ai datori di lavoro che svolgono attività e servizi strumentali e/o funzionali all’esercizio della professione stessa.


NOVITÀ – WELFARE E VANTAGGI PER I PROFESSIONISTI DATORI DI LAVORO

Aumentano le tutele di welfare per tutti coloro che operano all’interno dello studio professionale: è stata introdotta la copertura di assistenza (sanitaria/antinfortunistica) del datore di lavoro. La gestione di queste prestazioni, sotto la direzione di Confprofessioni, è affidata alla bilateralità. Il versamento mensile complessivo a Cadiprof ed Ebipro è di 22 euro per ciascun dipendente (di cui 2 euro a carico del lavoratore).

Grazie al nuovo CCNL i professionisti che iscrivono i propri dipendenti alla bilateralità attivano le innovative coperture automatiche previste dal Piano di Assistenza Sanitaria (check-up, esami oncologici e cardiovascolari, visite specialistiche, trattamenti fisioterapici e coperture per invalidità permanente e morte da infortuni) e dal Pronto Intervento Studio (invio di un tecnico, di un vetraio o di un fabbro in caso di emergenza).


Torna su

NOVITÀ – PIÙ VANTAGGI PER I DIPENDENTI

Il CCNL assicura un ampio sistema di welfare contrattuale voluto dalle Parti sociali per i lavoratori degli studi professionali attraverso le prestazioni offerte dagli Enti Bilaterali.

In primo piano ci sono le tutele in campo socio-sanitario. È CADIPROF (Cassa di Assistenza Sanitaria Integrativa per i Lavoratori degli Studi Professionali) che gestisce e eroga le prestazioni di assistenza sanitaria e socio-sanitaria a favore dei lavoratori che, in applicazione del CCNL Studi Professionali, vengono iscritti alla Cassa.

I dipendenti possono beneficiare dei seguenti servizi:

  • PIANO SANITARIO: permette di usufruire di molte prestazioni sanitarie, anche al di fuori di quanto garantito dal SSN, effettuabili in regime di gratuità o di rimborso;
  • PACCHETTO FAMIGLIA: prevede interventi socio-sanitari a sostegno della famiglia, della maternità e del lavoro a favore del lavoratore e di specifiche categorie di familiari;
  • ODONTOIATRIA: il Progetto Dentista per la Famiglia prevede il rimborso diretto da parte di Cadiprof delle prestazioni di riabilitazione protesica mediante impianto per gli iscritti e di ortodonzia per i loro figli.

È invece l’Ente Bilaterale EBIPRO che assicura un’ampia gamma di interventi a sostegno dell’attività professionale e del lavoro dipendente, coerenti con le moderne dinamiche del mercato del lavoro.

È attivo uno specifico fondo per il sostegno al reddito dei lavoratori di studi professionali che attraversano un periodo di crisi e sono previsti interventi di politica attiva con l’erogazione di contributi da parte dell’ente bilaterale per favorire l’utilizzo del telelavoro.

Il CCNL introduce inoltre un rimborso al datore di lavoro pari al 50% della retribuzione derivante dalla concessione del permesso di studio ai lavoratori.

A livello territoriale è incentivata la costituzione di articolazioni territoriali dell’ente bilaterale nazionale, denominate sportelli, con il compito di gestione del mercato del lavoro, anche mediante la promozione dell’incontro tra domanda e offerta di lavoro.

Il CCNL prende atto delle moderne tendenze del mercato del lavoro e delle variegate forme di collaborazione che si instaurano all’interno degli studi. Sono quindi estese le tutele di welfare contrattuale anche a nuove figure quali i collaboratori coordinati e continuativi e i praticanti.


Torna su

Professioni interessate

A) Area professionale Economico – Amministrativa

Consulenti del Lavoro, Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, Revisori Contabili, altre professioni di valore equivalente ed omogenee all’area professionale non espressamente comprese nella predetta elencazione.

B) Area professionale Giuridica

Avvocati, Notai, altre professioni di valore equivalente ed omogenee all’area professionale non espressamente comprese nella predetta elencazione.

C) Area professionale Tecnica

Ingegneri, Architetti, Geometri, Periti Industriali, Geologi, Agronomi e Forestali, Periti agrari, Agrotecnici, altre professioni di valore equivalente ed omogenee all’area professionale non espressamente comprese nella predetta elencazione.

D) Area professionale Medico – Sanitaria e Odontoiatrica

Medici, Medici Specialisti, Medici Dentisti, Odontoiatri, Medici Veterinari e Psicologici, Operatori Sanitari, abilitati all’esercizio autonomo della professione di cui alla specifica Decretazione Ministeriale, ad esclusione dei Laboratori. Odontotecnici, altre professioni di valore equivalente ed omogenee all’area professionale non espressamente comprese nella predetta elencazione.

E) Altre attività professionali intellettuali

Attività non rientranti nelle prime quattro aree, con o senza Albo professionale.


Torna su

IMPORTANTI NOVITÀ PER TUTTE LE COMPONENTI DELLO STUDIO

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro è stato sottoscritto il 17 aprile 2015 da Confprofessioni con le tre organizzazioni sindacali dei lavoratori del settore (Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs).

Contiene importanti novità che introducono innovative soluzioni di welfare per i dipendenti, per i professionisti datori di lavoro (titolari, soci e/o associati) e anche per quei professionisti che collaborano in modo continuativo con gli studi.

Tutte le modifiche apportate e le innovazioni introdotte sono dirette ad affrontare la difficile situazione in cui versano le attività professionali a causa della crisi economica in essere e permettere l’utilizzo di tutte le opportunità previste dalle ultime novità legislative.


Torna su

DECORRENZA E DURATA

Le parti hanno concordato che il periodo di vigenza contrattuale decorre dal 1° aprile 2015 sino al 31 marzo 2018 e che il precedente CCNL, scaduto il 30 settembre 2013, ha cessato i suoi effetti il 31 marzo 2015.


Torna su

TRATTAMENTO ECONOMICO

In forza della vigenza contrattuale sopra descritta, è previsto un aumento retributivo complessivo a regime, 31 marzo 2018, di 85 euro per il III livello diviso in cinque tranches (il primo scatto di 15 euro decorre dal 1° aprile 2015), con l’esclusione di qualsiasi erogazione una tantum o a titolo di arretrato. L’aumento copre quindi un periodo di quattro anni e sei mesi.

Torna su

CONTRATTI E MODALITÀ DI LAVORO

Lavoro a tempo determinato. È stata operata una regolazione volta ad eliminare molte delle restrizioni introdotte dalle recenti normative. In particolare è stato elevato il numero di contratti a termine che potranno essere attivati da ciascun datore di lavoro (a titolo esemplificativo: gli studi professionali che occupano fino a 5 dipendenti a tempo indeterminato, che in base alla legge potrebbero assumere solo un lavoratore a termine, in applicazione del nuovo CCNL potranno impiegarne fino a 3). È stato inoltre abolito l’obbligo di rispettare gli intervalli di tempo tra differenti contratti a termine (c.d. stop and go).

Apprendistato. È confermato come strumento principale di accesso dei giovani nel mercato del lavoro ed è stata operata una semplificazione degli obblighi formativi, riducendo complessivamente le ore di formazione. È prevista la possibilità di effettuare la formazione in tutte le modalità: formazione esterna mediante enti accreditati, formazione a distanza in modalità e-learning e formazione interna sotto la diretta responsabilità del datore di lavoro.

Lavoro intermittente. È prevista la regolamentazione del lavoro a chiamata. Il CCNL degli studi professionali è tra i pochi a disciplinare tale tipologia contrattuale, di fondamentale importanza per garantire flessibilità.

Contratto di reimpiego. Al fine di consentire il ricollocamento di soggetti over 50 e disoccupati di lunga durata (oltre un anno) è stata introdotta una specifica modalità di assunzione a tempo indeterminato. Per un periodo di 30 mesi sarà possibile retribuire tali lavoratori con un salario di ingresso più basso rispetto a quello di base previsto dal CCNL (sottoinquadramento di due livelli per i primi 18 mesi, un livello per i restanti 12).

Telelavoro. Uno dei punti più qualificanti del CCNL è il rilancio del telelavoro quale strumento volto a garantire la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. È previsto per l’attivazione dello stesso un intervento della bilateralità diretto a sostenere le spese del datore di lavoro per un eventuale acquisto o affitto dei mezzi tecnici.

Torna su

REGIME DEI PERMESSI

Per garantire maggiore produttività è stato rivisto il regime dei permessi per lo studio e per le nuove assunzioni. Per i permessi studio è previsto un intervento di copertura di parte dei costi retributivi. Per quanto riguarda la disciplina dei permessi per i neoassunti, è stabilito un nuovo regime di maturazione: nella misura del 50% a partire dal dodicesimo mese successivo all’assunzione e nella misura del 75% a partire dal ventiquattresimo mese dalla data di assunzione fino al trentaseiesimo mese; nella misura del 100% per i mesi successivi. È stata infine regolamentata la facoltà di usufruire dei congedi parentali ad ore.

Torna su

PROFILI PROFESSIONALI

Sono state concordate con le aree di Confprofessioni le modifiche relative alla classificazione del personale e dei relativi profili.

Scarica il testo integrale del contratto

 
Torna su