Piano di assistenza

img-macarena
Il CCNL Studi Professionali presenta una grandissima novità: se sei un datore di lavoro libero professionista e versi per i tuoi dipendenti i contributi alla bilateralità del settore, sei tu stesso beneficiario di prestazioni di assistenza e di servizi di consulenza.

Le coperture per i datori di lavoro si attivano automaticamente dal primo giorno del 4° mese successivo all’iscrizione, per chi è in regola con il pagamento dei contributi e in presenza di tutti i dati anagrafici necessari. Le coperture consentono un insieme di interventi quali:

  • Check-up
  • Esami oncologici e cardiovascolari
  • Visite specialistiche
  • Trattamenti fisioterapici
  • Diaria da inabilità temporanea a seguito di malattia o di infortunio
  • Coperture per invalidità permanente e morte da infortuni.

Il numero dei dipendenti di ciascuno studio comporta per il datore di lavoro libero professionista una copertura BASE o PREMIUM. Per gli studi associati il numero dei dipendenti garantisce la copertura automatica a un proporzionale numero di liberi professionisti associati.

È possibile richiedere l’estensione della copertura da BASE a PREMIUM e ampliare la copertura ad altri soci/associati, effettuando il pagamento di un contributo aggiuntivo.

Per garantire ai professionisti l’accesso a un capillare network di strutture sanitarie private di prestigio, l’assistenza professionisti sarà gestita da UniSalute, la prima assicurazione sanitaria in Italia per numero di clienti gestiti, con oltre 5.3 milioni di assicurati.

Scopri di più su:

Le coperture dell’assistenza sanitaria integrativa per i professionisti possono essere ampliate o estese in via volontaria ad altri soci/associati, o a collaboratori a partita IVA, effettuando il pagamento di un contributo aggiuntivo da versare mediante MAV. Tale contributo ammonta 48 € annui per la copertura BASE, 72 € per la PREMIUM, 24 € per il passaggio dall’una all’altra.

In questo modo avrai la possibilità di coinvolgere nell’alveo dell’assistenza ai professionisti anche soggetti tradizionalmente esclusi da qualsivoglia tutela, nell’ottica di un welfare contrattuale sempre più inclusivo, nell’ambito del quale siano destinatari dei servizi offerti dal sistema della bilateralità tutti coloro che operano all’interno della struttura produttiva.